Amplificatore a valvole 1W per cuffia o piccola cassa

Sezione dedicata a tutto cio' che riguarda le tecnologie elettroniche e dispositivi speciali utilizzanti sistemi Open Source o comunque liberi da diritti di copia e riproduzione.

Amplificatore a valvole 1W per cuffia o piccola cassa

Messaggio da leggereda root » 14/04/2012, 13:40

Immagine

Ecco lo schema di un canale, per la versione stereo occorrono due canali gemelli.

La preamplificatrice ECC82 (doppio triodo) ha due sezioni, la prima a catodo comune che amplifica il segnale di ingresso, la seconda invece a "catode follower" che adatta l'impedenza di uscita del primo stadio per il finale.
La parte di alimentazione e' formata da un duplicatore di tensione a due diodi per alimentare le anodiche a 60 Vcc, con un circuito RC a valle per il livellamento.
I filamenti invece sono alimentati in alternata a 12 e 27 Vac (occorre intrecciare bene i fili tra loro per evitare ronzio a 50 Hz).
Il finale (pentodo) e' una insolita PL504, originariamente nata come finale di riga nei televisori, ma questa e' l'unica valvola che puo' erogare una potenza sufficiente a queste tensioni, essendo poi una valvola che puo' dissipare fino a 16W, ben sopporta eventuali corti circuiti un uscita (dopo il trafo ovviamente).
Le resistenze da 1K in serie alle griglie ("grid stoppers") sono necessarie e servono per evitare autooscillazioni.
Se si utilizza un trasformatore da 12+12 Vac di secondario, invece che quello da 15+15 che ho utilizzato nello schema, le resistenze da 10 e 12 ohm in serie ai filamenti devono essere omesse (cortocircuitate).
Come trasformatore di uscita si puo' utilizzare tranquillamente un trasformatore di alimentazione da 220/24 Vac da 40 VA, a queste tensioni e correnti non c'e' rischio che saturi per via della corrente di polarizzazione continua che lo attraversa, se si vuole fare i perfezionisti si puo' usare un trasformatore di uscita audio da 800/8 ohm di impedenza.
La corrente anodica della PL504 a 60 Vcc e' di circa 80 mA, il circuito puo' arrivare a 2W in uscita, che comunque con una cassa non troppo dura, genera un bel volume sonoro.

Avvertenze per evitare ronzii:
I filamenti NON devono essere collegati a massa.
Usare un solo punto di massa, per quanto possibile.

NOTA BENE:
Tutti i condensatori elettrolitici devono avere una tensione di lavoro minima non inferiore a 63 Vcc.
La resistenza da 150 ohm 5W va provata ed eventualmente variata (riducendone il valore con un'altra resistenza in parallelo), in base al tipo di trasformatore e di diodi che si utilizzano per il duplicatore di tensione e anche in base alle tolleranze del circuito, server per limitare la tensione di alimentazione delle valvole a 60V circa, valori maggiori non farebbero assolutamente male, ma i condensatori elettrolitici sono da 63V e con tensioni troppo alte rischiano di esplodere.
Volendo questa resistenza puo' anche essere omessa, ma in questo caso occorrono condensatori da 100V e una capacita' di filtro almeno doppia (4700 uF).
Immagine

I dati di progetto che ho utilizzato sono i seguenti:

Sicurezza:

- l'amplificatore deve lavorare a bassa tensione con tensioni massime sul circuito non superiori ai 65 Vcc
- l'uscita dell'altoparlante e l'ingresso audio (microfono o pick-up), devono essere disaccoppiati dal circuito (disaccoppiamento dalle tensioni continue)
- il circuito non deve subire danni in caso di corto circuiti, anche permanenti, sia sull'ingresso, sia sull'uscita

Caratteristiche:

- l'audio deve essere buono, con ampia gamma di frequenza e con assenza di distorsioni apprezzabili ad orecchio.
- deve avere una potenza sufficiente per pilotare una cassa acustica di un impianto stereo economico o da automobile, per sonorizzare una stanza di piccole dimensioni (ampli da studio)
- deve avere un buon guadagno dato che deve lavorare direttamente con un pick-up magnetico o con un microfono non preamplificato.
- deve essere sufficientemente immune da auto-oscillazioni o rumori di fondo (50 Hz, ronzii)
- deve costare poco
- deve utilizzare componenti facilmente reperibili, meglio se di recupero.
- I valori dei componenti del circuito non devono essere critici, anche una variazione del 20% dei valori non deve modificare le caratteristiche di funzionamento
- deve utilizzare meno componenti possibili, solo quelli che sono indispensabili al funzionamento (niente fronzoli)

Alimentazione:

- deve essere a trasformatore con secondario con tensione massima non superiore a 30 Vac (12+12 oppure 15+15 Vac).
Maurizio
Avatar utente
root
Amministratore
 
Messaggi: 349
Iscritto il: 10/04/2012, 10:55
Località: Ovada

Re: Amplificatore a valvole 1W per cuffia o piccola cassa

Messaggio da leggereda root » 10/09/2014, 11:59

Versioni stereo con ECC85 come pre e le solite PL504 come finali:

Immagine

Con lettore MP3 incorporato e VU Meter ad occhio magico:

Immagine
Maurizio
Avatar utente
root
Amministratore
 
Messaggi: 349
Iscritto il: 10/04/2012, 10:55
Località: Ovada


Torna a Elettronica Open Source

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron